Accedi Registrati gratis

I risultati delle indagini: i medici hanno lasciato Maradona in agonia

I risultati delle indagini: i medici hanno lasciato Maradona in agonia

Le indagini sulla morte dell'Argentina di Diago Armando Maradona hanno rivelato che la leggenda del calcio avrebbe avuto molte più probabilità di sopravvivere se avesse ricevuto i farmaci e le cure mediche giuste. Si scopre che Don Diego è stato lasciato "in agonia" nelle ultime 12 ore della sua vita.

Maradona è deceduta il 25 novembre 2020 a causa di insufficienza cardiaca. Solo pochi giorni prima era stato dimesso dall'ospedale dopo aver subito un intervento chirurgico per un coagulo di sangue.

Le autorità della sua patria, l'Argentina, sono fermamente convinte che il leggendario calciatore non abbia ricevuto cure mediche adeguate.

Secondo i risultati delle indagini, i suoi medici erano molto consapevoli delle sue condizioni e sapevano che poteva essere fatale. Tuttavia, erano indifferenti alla situazione e non hanno reagito.

Secondo i medici imputati, lo stesso Maradona ha chiesto di essere dimesso dall'ospedale, ma è stato stabilito che l'argentino non controllava completamente il suo stato mentale in quel momento e non era in grado di prendere decisioni relative alla sua salute.

Il dettaglio più scioccante è che l'ambulanza per Maradona è stata chiamata 12 ore dopo la comparsa dei primi segni di insufficienza cardiaca.

"Era in una prolungata agonia mortale per almeno 12 ore prima che l'ambulanza fosse chiamata, suggerendo che il paziente non era stato adeguatamente esaminato per rispondere molto prima", ha detto una parte del rapporto degli investigatori.

Lascia un tuo commento

Devi effettuare il login prima di poter fare un commento